Il miglior idropulsore da viaggio

 

Come scegliere il miglior idropulsore da viaggio del 2017?

 

Sappiamo tutti quanto sia importante l’igiene orale. Avere una bocca sana è fondamentale. Gli esperti consigliano l’uso dello spazzolino dopo ogni pasto e almeno due volte al giorno. Tuttavia, il solo spazzolino non basta. Niente panico: in commercio esistono strumenti utili come l’idropulsore. Se non sai bene di cosa si tratta o semplicemente vuoi saperne di più su caratteristiche e prezzi, questa pagina potrà esserti di aiuto nell’individuare il miglior idropulsore da viaggio del 2017.

Sappiamo bene che vuoi un prodotto di qualità ma vuoi anche un articolo che sia in vendita a basso costo. Ci sembra giusto e pertanto ci accingiamo a presentarti una soluzione che – secondo il nostro giudizio supportato dai pareri positivi degli utenti – rispetti i due paletti imprescindibili, ovvero, la buona qualità e il prezzo basso. Si tratta di paletti che stanno molto a cuore a un’azienda come la LifeBasis che da anni opera nel settore dei prodotti health care e non solo. Gli oggetti per l’igiene orale sono soltanto una piccola parte di ciò che commercializza LifeBasis.

Ma è probabile che tu voglia innanzitutto capire bene come funziona un idropulsore per la pulizia dei denti. Se sei mai andato da un dentista, è probabile che ti sia capitato di vedere qualcosa del genere. Il principio, o meglio, lo scopo del suo operato è identico a quello del filo interdentale ma ovviamente i risultati sono più soddisfacenti: rimuove i residui di cibo tra un dente e l’altro. Come avviene questa rimozione?

Sfruttando un getto d’acqua. Ma la cosa più interessante è che rispetto al classico filo interdentale, l’idropulsore è efficace fra gengive e dente. Si tratta di una zona molto importante perché da lì la carie giunge fino alla radice del dente. Ciò fa capire quanto sia importante servirsi di uno strumento del genere per non compromettere la salute dei denti.

 

 

LifeBasis Idropulsore

Principale vantaggio

Essendo uno strumento da viaggio è molto importante che la batteria abbia una buona autonomia. Ebbene, proprio la durata della batteria è, a nostro avviso, uno dei suoi punti di forza. È possibile utilizzarlo quotidianamente per due settimane.

 

Principale svantaggio

Trattandosi di un idropulsore da viaggio, al momento della progettazione si è badato alla riduzione delle dimensioni. Purtroppo ciò ha comportato anche la riduzione del serbatoio e per una pulizia accurata è necessario riempirlo due o tre volte.

Clicca qui per vedere il prezzo di questo modello

 

 

DESCRIZIONE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

 

Raggiunge anche gli angoli più remoti della bocca

Il LifeBasis riesce a raggiungere punti della bocca che altrimenti sarebbe impossibile da pulire. Si dimostra. Oltre che il migliore idropulsore dentale da viaggio, un valido supporto anche nella lotta alla placca e – secondo noi – un ottimo metodo per massaggiare le gengive. Tra i denti è irrorato un getto d’acqua molto potente. A riguardo dobbiamo dire che sebbene per molti questo sia considerato un vantaggio, per altri con gengive sensibili è vero l’opposto. Alcuni clienti, infatti, si sono lamentati per il sanguinamento delle gengive provocato dal getto di acqua. Purtroppo serve una certa pressione per garantire una pulizia accurata.

Quanto alle modalità di funzionamento, l’idropulsore ne offre tre: normale, leggero e a impulsi. Soffermiamoci un attimo su questa ultima modalità che – a differenza delle prime due – potrebbe non essere chiara a tutti: la modalità a impulsi, oltre a pulire serve a massaggiare le gengive.

Da mettere in valigia

Trattandosi di un idropulsore da viaggio, a maggior ragione il design doveva essere compatto e così è. La sua forma ergonomica rende le operazioni di pulizia ancora più semplici. Più in generale, esteticamente il LifeBasis si presenta bene. Il bianco è il colore predominante ma è spezzato da colori vivaci. Nella confezione sono presenti due ugelli intercambiabili. In tal modo è possibile l’utilizzo per due persone differenti.

Completano la confezione, un cavo USB che tornerà utile quando sarà necessario ricaricare lo strumento e un utile manuale d’istruzioni. Nessuna paura se accidentalmente l’idropulsore dovesse caderti in acqua perché è completamente impermeabile.

 

Il serbatoio delude

L’idropulsore ha un serbatoio da 165 ml. Trattandosi di un oggetto da portare in viaggio, probabilmente è stato ritenuto opportuno non esagerare con la sua capacità. Tuttavia la capienza del serbatoio è la cosa che più ha generato malcontento tra i clienti. Secondo molti di essi, 165 ml non sono sufficienti per una pulizia adeguata e quindi, si rende necessario provvedere a riempire nuovamente il serbatoio anche più di due volte: può sembrare una sciocchezza ma pare aver dato fastidio a molti.

Di ben altra portata la durata della batteria: con una sola ricarica si può stare tranquilli due settimane, ipotizzando un uso regolare dello strumento.

Clicca qui per vedere il prezzo di questo modello

 

 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 votes, average: 5.00 out of 5)
Loading...